Questo sito utilizza i cookie per offrire un servizio migliore ai propri utenti.

itenfrdejasv

Michelotto: il tornitore - il pilota

  • Letto 7721 volte
  • Email
  • Print Friendly and PDF
In evidenza Michelotto: il tornitore - il pilota
Vota questo articolo
(16 Voti)

Michelotto è una figura quasi "leggendaria" nel mondo del web, ricercato dagli utenti nei vari forum e social network, per le sue famose valvole di scarico e testate  per Rs ed Rgv 250. Non tutti riescono a mettersi in contatto con lui, il numero di telefono lo hanno in pochi, non ha un sito internet come le grandi aziende. Poi, come tutte gli argomenti che passono di bocca in bocca, o meglio dire di tastiera in testiera, si creano miti e leggende su chi sia. Ma quindi, chi è Giuseppe Michelotto?

Sicuramente un grande appassionato, che dal 2011 corre nel campionato organizzato da Marchetti, e che provando e testando è riuscito a ricreare pezzi di gran pregio per le ottavo e le quarto di litro.

Nato il 3 Dicembre 1971, vive e lavora a Padova, come tornitore. Ed è da qui che parte la sua storia: "Quella per i due tempi è una passione che coltivo fin da ragazzino. La mia prima moto fù una Cagiva Freccia 125. Era una moto veramente valida, la usavo per tutto, ci ho fatto viaggi, ho imparato a mettere le mani sul motore. Però ci ho fatto anche tanti incidenti..." Ma la cosa non ti ha fermato a quanto pare: "Diciamo che dopo un pò smisi di correre per strada, e cominciai ad affacciarmi al mondo dei circuiti. Iniziai col Motoestate in sella ad una Suzuki Rgv 250, passai successivamente all'Aprilia Rs 250." Per problemi di salute,  hai in seguito interrotto la tua attività di pilota, abbandonando per circa un anno e mezzo le piste: "Dopo essere stato tanto fermo, la voglia di ricominciare era troppo forte, così nel 1998 mi iscrissi all'Aprilia Challenge, sempre in sella alla Rs 250.Ed è in questi anni che è nata l'idea di produrre le famose valvole da solo: "Durante le corse succedeva spesso di rompere le valvole di scarico, non solo a me, ma anche ad altri concorrenti. Ed a volte i danni causati in seguito alla rottura erano gravi: capitava che il pezzo di valvola rotta cascasse dentro il cilindro, puoi immaginare le conseguenze. Cosi, grazie alla mia esperienza di tornitore, mi misi a fare dei test utilizzando materiali più morbidi, che si adattassero meglio all'uso. Iniziai a lavorare su questa cosa intorno al 2000, poi nel 2005 ho iniziato a farle su richiesta, dopo averle testate e migliorate nel corso del tempo. Poi dalle valvole sono passato alle teste e cosi via".

In contemporanea porti avanti la tua attività in pista, parallelamente al lavoro: "Dal '98 in poi ho fatto sempre trofei amatoriali con l'Sp, ma una volta, mi sembra nel 2008, provai una 250 Gp. Il passaggio non fù certo facile, ma quando iniziai a capirla non me ne sono più staccato." Non a caso ti stai dedicando anche alla creazioni di pezzi per le Gp: "Sto cercando di fare pezzi sia per le Honda che per le Aprilia. Sono diventate moto di nicchia, ed è un peccato perchè sono le vere moto da corsa. I pezzi iniziano ad avere costi alti e non è più facile trovarli come qualche anno fa." L'abbandono del 2 tempi da parte delle Case non rende certo la vita facile, agli amanti del due tempi, ma persone come Michelotto sono l'esempio che il 2 tempi può continuare a vivere. Tutto per passione.