Questo sito utilizza i cookie per offrire un servizio migliore ai propri utenti.

itenfrdejasv

MARCHETTI: LASCIO E RADDOPPIO

  • Letto 184 volte
  • Print Friendly and PDF
In evidenza MARCHETTI: LASCIO E RADDOPPIO
Vota questo articolo
(2 Voti)

Marchetti lascia e raddoppia: il patron IGP lascia la guida del campionato per dedicarsi ai giovani.

Otto stagioni condotte al pari del precedente promoter Enrico Piacenza, hanno sdoganato la classe 250gp  a fine 2002 e la 125gp dal 2013, fuori dalle “sabbie mobili” dell’incertezza. Calendari gare inseriti in contesti di primo piano come Coppa Italia e in alcuni casi Civ, hanno dato lustro a piloti e squadre.

Negli ultimi tempi ho sentito parlare dell’ Igp come del campionato di Marchetti e la cosa non mi è  piaciuta. L’International Grand Prix è il campionato degli eroi, difensori di un blasone ricco di storia fatta da piloti veri. Persone che mettono le gare prima degli affetti, delle malattie, degli infortuni. Io e Piacenza abbiamo salvato la categoria due tempi in Italia. In queste sedici stagioni abbiamo assistito alla nascita di nuovi tipi di gare, nuove moto ma spesso alla loro eliminazione per scarso interesse o per scarso appeal commerciale. Ma noi ci siamo. Dichiarazione di Marchetti.

La creazione del progetto Academy datato 2016 ha portato una ventata di ottimismo e di rinnovamento. Dare spazio ai giovani, questo è stato l’imperativo. Nel 2018 questa innovazione ha visto in campionato la presenza di nove piloti minorenni. Ecco, questo dato fa riflettere. “Esiste una legge in natura che si chiama evoluzione. Chi non si adegua e non supera le difficoltà è destinato a sparire” (cit.Marco Masetti Ms 43)

Ho fatto un percorso interiore fatto di riflessioni. Il social per eccellenza ci propone giornalmente ricordi di imprese eroiche dei nostri beniamini a 2t o di bellissime moto da gp in posa da salotto. Basta. Sono stufo di vivere nel ricordo. Voglio passare a vivere la mia indole racing. Continua Marchetti. Un passaggio quello dei giovani in Igp che ha lasciato il segno. Voglio continuare a mettere a loro disposizione le mie esperienze e le mie capacità.

Il progetto Academy avrà un seguito in due tempi con le 125gp. Ma la novità sarà l’ingresso di Marchetti come team manager in PreMoto3 e Moto3 nel massimo campionato nazionale. Ho creduto doveroso dedicarmi a tempo pieno al progetto Academy. Per i giovani talentuosi il percorso per arrivare in alto è costellato di imprevisti. Io e il mio staff possiamo mettere in condizione i giovani e tracciare il loro futuro professionale.

La conduzione del campionato Igp è stata affidata pro-tempore a Luca Balestrazzi coadiuvato da Nicola Larocca, rispettivamente tecnico e team manager del quattro volte campione Igp, Jarno Ronzoni.

De.Ma.