Questo sito utilizza i cookie per offrire un servizio migliore ai propri utenti.

itenfrdejasv

Vallelunga è dei giovani

Con il round 1 si è inaugurato il nuovo format che prevede un programma di gara concentrato su due giorni al posto di tre. Un impegno più concentrato per le maestranze ma che porta sicuramente beneficio a meccanici e studenti impegnati con lavoro e scuola. Dopo le prove libere (tre) del sabato mattina si è arrivati alla prima prova ufficiale di qualifica nel tardo pomeriggio. Il mattino della domenica ha visto scendere in pista i piloti Igp125-250 per la seconda prova ufficiale che ha assegnato di fatto il posto in griglia.

Alle 17.55 lo start con il più lesto il patron del campionato Roberto Marchetti su Aprilia Nava Corse seguito dal campione in carica Jarno Ronzoni su Aprilia Nico Racing. Brutto start per Alessandro Pozzo su Yamaha Team della Madonna. Primo giro in testa per Marchetti, ma la sua gioia dura appena fino alla staccata della “Cimini” dove viene sorpassato dal poleman Ronzoni.

Nello stesso giro il rimontante Pozzo attacca Marchetti alla staccata del “Tornantino” ma nell’incrocio delle traiettorie ha la meglio Marchetti. Il diciottenne torinese non si perde d’animo e alla staccata della “Cimini” entra con decisione e si lascia il Marchetti alle spalle.

Le posizioni restano invariate fino a tre quarti di gara con distacchi tra il duo di testa nell’ordine dei 3-4 secondi. Ma nel corso della settima tornata Ronzoni perde uno dei silenziatori della sua Aprilia nel tratto tra il “Curvone” e la discesa che porta ai “Cimini”, tratto più veloce e impegnativo del circuito romano. Complice il forte vento che ha influito negativamente su tutti i piloti Ronzoni non ha capito immediatamente cosa fosse successo e in soli due settori di pista ha perso circa tre secondi transitando alla chiusura del settimo giro con un ritardo di oltre quattro secondi sulla tornata precedente. Alessandro Pozzo è stato svelto ad interpretare la nuova situazione e con le ultime due tornate a testa bassa conquista la vittoria di questo primo round di campionato.

Alle spalle del duo Pozzo-Ronzoni chiude il podio Marchetti.

Buona prestazione di Daniele Scagnetti Honda, alla sua seconda volta sulla 250Gp gestita in proprio. L’emiliano aveva assaporato in prima qualifica il gusto di arrivare a podio ma in gara non deve aver interpretato al meglio le condizioni meteo per ottimizzare la messa a punto del propulsore. Segue l’inossidabile Giuseppe Michelotto su Honda Tsr a chiudere il quintetto di testa.

In 125Gp il poleman Mirco Modesti gestisce la prima parte di gara con circospezione temendo il diretto avversario Simone Caccamo del Team Academy by Biagioli. Per loro sorpassi al “rallenty” durante il corso del quinto giro proprio per studiarsi ma nel corso della sesta tornata Modesti arrivando alla “Campagnano” interpreta male la lunga curva e un brusco anticipo di apertura “gas” lo proietta in aria lasciando via libera al diciassettenne fiorentino di involarsi verso la vittoria. Nessuna conseguenza fisica per Modesti.

A completare il podio il duo Academy Igp, Alex Scorpaniti e Andrea Campaci. I giovani alfieri del progetto ideato dal moto club Igp2t, si sono dati battaglia e ad ogni tornata si sono sorpassati varie volte attirando l’attenzione degli addetti ai lavori.

Da questa stagione vengono stilate delle speciali classifiche di giornata dedicate ai piloti Wild Card e agli Over. Il podio Wc è composto da Pozzo, Scagnetti e Frigenti (Honda Nico racing). La classifica Over vede al primo posto Ronzoni seguito da Marchetti e Michelotto.

Il prossimo round si disputerà il 16-17 giugno a Pavia sul circuito Tazio Nuvolari di Cervesina nel contesto MotoEstate.

Ro.Ma.


ANALISI TEMPI

icona pdf


GIRI VELOCI

icona pdf


CLASSIFICA

icona pdf


CLASSIFICA CLASSI

icona pdf

TEST ACADEMY IGP A CREMONA CIRCUIT

Si è svolto il fine settimana del 29 ottobre 2017 il primo test Academy Igp 125. Il progetto del moto club IGP2T ideato a supporto dei giovani e dei neofiti della velocità in pista è al suo secondo anno di attività. Uno staff di provata esperienza capitanata da Roberto Marchetti e coadiuvata tecnicamente dal milanese Angelo Nava e dal romano Luca Barbareschi ha messo a disposizione di 4 piloti una delle Honda 125 Gp. Nella giornata di sabato si sono alternati alla guida il cremasco Davide De Boer (24anni) e il parmense Gabriele Rossi (44anni). De Boer, un esperienza di sole otto gare in Sp125, e un altezza non proprio da fantino (1,92cm) ha subito preso le misure alla gp affidatagli. Con appena 20 tornate il giovane  cremasco è sceso ripetutamente al di sotto dell’1.40.00 siglando il miglio crono del del sabato in 1.39.20.

Ringrazio pubblicamente Roberto Marchetti per l’opportunità di questo test che ho potuto svolgere oggi. Guidare una Gp era il mio sogno e sono finalmente riuscito a farlo. Una moto incredibile e velocissima” questa la dichiarazione del ventiquattrenne.

Per Rossi si tratta di un rientro nella velocità dopo oltre venti anni. Il parmense si è calato facilmente nelle vesti di pilota consumato. Adattamento alla Honda 125 Gp tutto sommato riuscito per lui. Con oltre 24 tornate il quarantaquattrenne è riuscito a raggiungere il crono di 1.45.00.

Un sogno diventato realtà dopo 25anni! Erano gli anni 90 quando con la mia 125sport affiancavo molti nomi illustri della velocità ma per mille motivi diversi fino ad oggi non ero riuscito a salire di categoria e provare una moto da gran premio. Grazie Roberto Marchetti per questa opportunità” così ha dichiarato Rossi all’intervista.

Domenica 29 un’altra sessione di prove con protagonisti i giovanissimi Daniele Mariani e Alex Scorpaniti. Per il quattordicenne Mariani, al suo attivo la partecipazione al trofeo Yamaha R125 Cup 2017, si è trattato di un autentico debutto in due tempi. Tre le sessioni a disposizione per saggiare le doti di una moto gran premio senza conoscere il tracciato e il ragazzo non ha avuto grossi problemi a cavarsela. La prima uscita è servita per imparare i rudimenti di base. Le altre sessioni per mettere in pratica alcuni suggerimenti per la tecnica di guida.

Alla prima uscita sono entrato in difficoltà per la gestione della coppia. Con la mia Yamaha R125 posso partire da fermo anche in terza marcia e con la Gp invece appena provo a voltare sotto gli 8000/giri tende ad ingolfarsi. Al box sono stato ripreso dal capo tecnico Nava e ho fatto tesoro dei suoi consigli. Nonostante il poco tempo a disposizione sono riuscito ad apprezzare le doti di questa moto. Una accellerazione e una velocità così non l’avevo mai provata prima. Ma quello che più mi ha colpito è stata facilità con cui si impostano le traiettorie. Credo che questa notte farò fatica a prendere sonno!” Così dichiarava Mariani.

Alex Scorpaniti, quindicenne bolognese, ha corso nel 2016 e 2017 nel campionato italiano PreMoto3 in sella proprio alla Honda 125 Gp. Un pilota con una notevole esperienza e ottime capacità ha testato la moto del progetto Academy Igp proprio per valutare le differenze con la versione “minore” del Civ. In effetti nel campionato italiano le due tempi sono state “castrate” per coesistere con le 4 tempi notoriamente meno potenti.    

Accellerazione e velocità mi hanno colpito favorevolmente ma anche con le gomme Bridgestone, che non avevo mai testato prima di oggi, ho trovato un ottimo feeling. Tecnicamente sono stato messo in condizione di fare bene da subito. Ho trovato un’ottima ciclistica”. Il quindicenne torna a casa con l’ottimo crono di 1.37.80.

Un altro test Academy sarà programmato a breve in centro italia.

Ro.Ma.

IGP R.8: QUALIFICA ESTREMA

Q1 PROTAGONISTA LA NEBBIA.

La nebbia protagonista della prima qualifica ha condizionato e sconvolto i valori in campo. Un ritardo di oltre due ore sul programma della giornata di prove ufficiali dovuto alla pessima visibilità ha costretto la direzione di gara a posticipare l’avvio delle qualifiche. IGP125-250 in pista con prova ridotta di 5 minuti per consentire di recuperare nell’arco della giornata almeno una parte del programma. Prime due tornate con commissari di percorso con molte bandiere a striscie proprio per avvertire dello scarso grip. Un timido sole che si affaccia e i piloti più temerari hanno lasciato il segno. Podio provvisorio, best lap 2.12.55, con Ronzoni (Aprilia Nico Racing) Pozzo (Yamaha Nico Racing) e il tedesco Patrick Sauter (aprilia 250Sp) esordiente in IGP. Solo 6° lo svizzero Heierli (Honda). Ottima la prestazione di Luciano Valla (Yamaha Brake Off) preceduto per pochi decimi dall’esperto Massimiliano Tesori (aprilia Tesori Racing).

Il podio provvisorio della 125 Gp è al momento in mano al Bretone esordiente in IGP Timothée Monot esperto di gare stradali. Bella sorpresa per la presenza in questo trio di Lorenzo Tiveron (Honda Golinelli) e di Mirco Modesti (Honda Berga). Alessandro Lecce in forza al progetto Academy IGP vede la zona podio da molto vicino, appena 5 decimi dal toscano. Un plauso alla wild card Fausto Riccò (Honda Brake Off) che nonostante i molti impegni e distrazioni di vario genere segue da vicino Lecce.

Appuntamento quindi per la Q2 alle ore 15.45 e la diretta live-timing.

Ro.Ma.

ANALISI TEMPI CLASSIFICA
icona pdf  icona pdf

IGP AL GRAN PREMIO DI ROMA

7° round IGP a Vallelunga 16-17 settembre 2017

Al rientro dopo la pausa estiva il campionato International Grand Prix torna sul circuito capitolino “Piero Taruffi” di Campagnano. Nei mesi appena trascorsi l’impianto è stato oggetto di modifiche strutturali: la riasfaltatura del tratto ormai obsoleto che parte dal tornantino e arriva fino all’uscita della curva dei Cimini, ristrutturazione della direzione di gara, ricollocamento delle strutture dei servizi agli utenti.

La titolazione del 7° round è appannaggio della ditta Driver Car Service, nota società di servizi di noleggio con conducente che opera soprattutto in Lombardia. L’azienda è capitanata da Andrea Lazzarin, grande appassionato di moto da gran premio nonché pilota di vecchia data. Probabilmente lo vedremo scendere in pista per l’ultimo round stagionale che si terrà al Mugello in ottobre.

Nella classe regina, 250 Gp, le prestazioni di Jarno Ronzoni (Aprilia-Nico Racing) sono state di altissimo livello. Il coriaceo centauro bergamasco ha usato il suo vantaggio con molta perizia. Durante il campionato fin qui visto infatti, non ci sono stati distacchi importanti né sulla distanza né sul giro secco; probabilmente Ronzoni, memore della stagione 2016 persa per un punticino a favore di Roger Heierli (Honda), vuole essere sicuro di riportare in Italia il titolo IGP. Con il round capitolino potrebbe laurearsi campione in anticipo. Purtroppo il diciassettenne Pozzo preferisce concentrarsi sulla prossima stagione infatti dovremmo rivederlo in pista al Mugello il prossimo 15 ottobre in occasione dell’ultimo round stagionale.

Il titolo della 125 Gp potrebbe essere assegnato in anticipo al cremasco Andrea Bergamaschini (Honda). L’uscita di scena del sedicenne Simone Caccamo al doppio round di Misano (non qualificato per noie tecniche) ha spianato la strada all’esperto pilota-preparatore. Peccato perché avremmo assistito ad un grande spettacolo. Il giovane toscano era in rimonta dopo aver vinto 3 delle 4 gare prima di Misano ma la sorte non à stata dalla sua parte. Atteso per una buona performance il romano Michele Forcella (Honda-Nava racing) che punterà a consolidare la seconda piazza in campionato.

Un autentico ritorno a casa per Armando Narduzzi (Honda-Napoleoni Corse). Il cinquantenne romano, già al motomondiale in 125, ritorna sulle ottavo di litro con grande entusiasmo spinto anche dal suo partner tecnico Giacomo Refrigeri. In effetti la 125 Gp sta vivendo un buon momento dal punto di vista della partecipazione: Andrea Zambotti, altro romano con grandi trascorsi in pista, sembra quasi convinto a far parte della kermesse capitolina; potrebbe rientrare proprio in sella ad una Honda 125. Il patron Roberto Marchetti scenderà in pista con una delle moto del progetto Academy 125 proprio a supporto di questa (H)ondata di interesse per la piccola cilindrata.

“Emozioni in 2 tempi” è il nuovo progetto di comunicazione ideato e voluto da Roberto Marchetti. Proprio dal round di Vallelunga una delle Honda 125 Gp sarà affidata al tester-giornalista Lorenzo Baroni collaboratore delle testate Motoblog.it e IlMessaggero.it.  Baroni, già ideatore del test delle 250Gp al Mugello nel 2011, racconterà dal vivo le emozioni direttamente dalla sella della piccola ottavo di litro.

Sarà disponibile il servizio live-timing direttamente dalla home page del nostro sito per le prove ufficiali e la gara.  Video interviste saranno trasmesse sul canale social facebook “International grand prix”.

Ro.Ma.


 

Orari:

- Ingresso in paddock: giovedì dalle 15.00 alle 20.00

Segreteria (nuova sede-torre direzione gara 1° piano)  Giovedì  dalle 15.00 alle 20.00 – venerdì dalle 7.30

- Giovedì: Verifiche tecniche sportive: 16.30 -  20.00 e venerdì: 7.45- 10.00 

- Venerdì: 3 prove libere : 11.00 – 13.05 – 15.20

- Sabato: Q1 ore 10.15 – Q2 ore 18.50

- Domenica: warm up 9.00 - gara (apertura pit lane)  18.00 - start . 18.15   

PROGRAMMA DI GARA

PRENOTAZIONE PROVE LIBERE

Caccamo, Ronzoni e Linari trio Mugelliano

Meteo benevolo per la gara del 4°Round IGP al Mugello. Le previsioni di pioggia date per sicure, sono risultate sbagliate, regalando una gara ricca di emozioni.

Allo spegnersi del semaforo rosso, il più lesto è Jarno Ronzoni (Aprilia - Nico Racing). Lo svizzero Roger Heierli (Honda) lo segue da vicino con in scia il perugino Danilo Gori (Aprili - Billi Racing).

Partenza sbagliata per il diciasettenne Alessandro Pozzo (Yamaha - Team della Madonna). Nonostante scattasse dalla prima fila, il torinese si ritrova leggermente attardato alla San Donato e poi un piccolo contatto con Soheil Ayari (Yamaha) gli fa perdere contatto con il trio di testa. Intanto Ayari di ritrova in quarta posizione grazie anche ad una partenza eccezionale.

Alla fine della prima tornata Ronzoni transita in testa alla gara, seguito da vicino da Heierli e da Gori.

Marchetti (Aprilia - Nava Corse) è appena attardato per la gestione del sorpasso ai danni del francese Ayari.

Fino alla settima tornata, a parte i sorpassi di Michelotto (Honda), le posizioni rimangono invariate.

Un buon recupero di Marchetti su Gori diventa da quel momento oggetto d'interesse degli appassionati. Sorpassi e controsorpassi tra i due catalizzano l'attenzione dei tanti spettatori fino a concludersi al decimo giro, con la conquista del podio da parte del romano, che fa stampare anche la miglior velocità (260.8 km/h).

La rimonta di Pozzo si ferma alla quinta posizione finale, giusto dietro a Gori.

Ottima prestazione di Michelotto, al rientro al Mugello dopo la rovinosa caduta dell'ottobre passato.

La Wild Card Yuri Frigenti (Honda - Nico Racing), conquista la settima pizza con un ottimo best lap personale, 2.05.95.

Simone Caccamo (Honda - BIagioli Corsa) cala il tris proprio sul circuito di casa. Il sedicenne fiorentino ha regolato con autorevolezza l'esperto duo di inseguitori, Andrea Bergamaschini (Honda - Berga) e Mirco Modesti (Honda - Berga). Suo anche il best lap della 125GP, 2.07.61, miglliorandosi di oltre due secondi dalle prove ufficili.

Lorenzo Linari (Aprilia - Linari Racing) è profeta in patria per la classe 250Sp. Il plurititolato di categoria, forte della pole position, conquista la vittoria di misura du Massimiliano Tesori (Aprilia - Tesori Racing).

Un altro genovese conquista il terzo gradino del podio, Alessandro Amadei (Aprilia - Tesori Racing).

Da segnalare l'ottimo rendimento delle coperture Bridgestone Battlax che hanno consentito delle ottime prestazioni ai piloti di tutte le classi.

Appuntamento quindi per il 5° e 6° Round (gara doppia) a Misano Adriatico, nel week-end del 23 luglio.

Ro.Ma.

ANALISI TEMPI CLASSIFICA CLASSIFICA CLASSI
icona pdf icona pdf icona pdf

R4 Q1: Ronzoni, Tesori e Petrini

Il Mugello accoglie con tutti gli onori le moto da gran premio. L'ottima prestazione del bergamasco Ronzoni (Aprilia - Nico Racing) gli è valsa la pole provvisoria, con il crono di 2.00.45.

Roberto Marchetti (Aprilia - Nava Corse) è il capofila di un agguerrito gruppo di inseguitori: Alessandro Pozzo (Yamaha - Team della Madonna), lo svizzero Roger Heierli (Honda) e Danilo Gori (Aprilia - Billi Racing) sono infatti racchiusi in 13 decimi.

Sorpresa col botto: Luca Petrini (Honda - Nico Racing Team) conquista la pole provvisoria della 125GP nonostante una scivolata alla curva Poggio Secco. Il coriaceo toscano, dopo un inizio di campionato deludente, si riscatta e rimescola le carte dei pronostici.

Racchiusi in pochi centesimi, seguono, il sedicenne Simone Caccamo (Honda - Biagioli Corse) e il capoclassifica Andrea Bergamaschini (Honda - Berga). Problemi tecnici per Mirco Modesti (Honda - Berga).

Nella classe 250 Sport, il poleman provvisorio è Massimiliano Tesori (Aprilia - Tesori Racing) che firma l'ottimo crono di 2.07.67. Più distanziato il toscano, campione in carica, Lorenzo Linari (Aprilia - Linari Racing); chiude il trio l'altro genovese Alessandro Amadei (Aprilia - Tesori Racing).

Appuntamento quindi per la Q2 alle ore 15.30. Per gli appassionati internauti è sempre disponibile il servizio live-timing in home page sul sito.

ANALISI TEMPI IDEAL TIME CLASSIFICA
icona pdf icona pdf icona pdf

ACADEMY IGP: SI PARTE DALLA FRANCIA

Debutto oltralpe per il progetto del moto club 250 GP.

Dopo il successo ottenuto nel 2016 con i suoi piloti Nik Settimo e Davis Castellani,  impegnati nel 2017 rispettivamente nel mondiale sport 300 e nel Civ sport 4T,  Academy IGP riparte con grande entusiasmo presentandosi in Francia con due giovani piloti.

Kyrian Hartmann, quattordicenne della Savoia, si presenterà direttamente sul circuito del Paul Ricard, forte dell’esperienza maturata prima in mini moto, poi proprio con le Honda 125 Gp, con l’intenzione di ben figurare sulla pista di casa. Pur essendo impegnato in pianta stabile nel Civ PreMoto3,  ha deciso di entrare in Academy IGP proprio per accumulare maggiore esperienza.

Alessandro Lecce, diciottenne pugliese, già pilota della sport2T nello scorso campionato IGP, sarà al via del primo round 2017 per il momento in veste di wild card ma non appena gli sponsor assicureranno il loro supporto, proseguirà il campionato con le moto dell’Academy IGP.

Occhi puntati su questi giovani talenti che grazie all’Academy IGP potranno intraprendere un percorso di formazione come solo una moto a 2T da gran premio può dare.

Ro.Ma.

ASPIRANTI CAMPIONI CERCASI!

AVRAI 14 ANNI ENTRO APRILE 2017?

L’Academy IGP, progetto giovanile del moto club 250 GP, è lo strumento più economico per recuperare i giovani talenti che per i più svariati motivi (infortuni, carriera tardiva, economici ecc.) non sono rientrati nella classe PreMoto3 o Moto3. Academy IGP non è una “scorciatoia” ma una forgiatura di futuri campioni.

Le  “borse di studio sportive” – che abbattono i costi a 1000 euro a gara per pilota – comprendono la fornitura delle moto (Honda 125 RS in configurazione GP), assistenza tecnica, manutenzione ordinaria e straordinaria, carburante speciale, casco Arai RX7V.

I giovani piloti, da 14 a 16 anni, potranno contare sul supporto, in pista e nei box, di piloti e tecnici di provata esperienza. 

Il campionato International Grand Prix 125-250, è articolato in otto gare e farà tappa in Francia – Paul Ricard, Mugello, Misano, Imola , Vallelunga-gara doppia, Varano e Cervesina. Motodromi di fama internazionale, ideali per sviluppare tutti i fondamentali della guida nonché facilmente raggiungibili da ogni parte d’Italia. 

Dal punto di vista della comunicazione, la visibilità è garantita dalla produzione di contenuti testuali, fotografici e video – prima, durante, e dopo ogni gara – curati da un'agenzia di professionisti e diffusi ai partner ufficiali del campionato ed alla stampa di settore, oltre che sui canali ufficiali del campionato IGP (sito web, YouTube, Facebook, newsletter, etc.), al fine di massimizzare l’esposizione mediatica e garantire la massima visibilità agli sponsor. 

L’accademia è ufficialmente aperta. Aspiranti campioni cercasi! 

Inviare i curriculum sportivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sottoscrivi questo feed RSS